stan

Stan Lee : come tutto è iniziato raccontato da lui

Stan Lee ha compiuto 94 anni e 75 anni nell’industria del fumetto, ecco la sua storia

Come ogni eroe che amiamo dobbiamo partire dalla sua origin story per riuscire a capire come sia arrivato all’essere il Nonnino di casa Marvel che tutti amiamo.

stan

“Quando avevo 17 anni e mezzo cercavo lavoro, sapevo che questa compagnia cercava un assistente. Non avevo idea che fosse collegata ai fumetti, ho semplicemente bussato alla porta chiedendo -Qualcuno ha bisogno di un assistente?- , mi hanno accompagnato in una stanza dove c’erano Joe Simon e Jack Kirby che avevano bisogno di aiuto per i fumetti. Quando c’erano dei dialoghi che secondo loro non funzionavano dicevano -Ehi Stan puoi riscrivere questi?- e qualche tempo dopo finì a scrivere storie per loro. E poi stranamente, dopo un breve periodo, sia Joe Simon che Jack Kirby lasciarono la compagnia. E all’improvviso arrivò l’editore e disse -Ehi Stan, può riuscire a fare il lavoro finchè non trovo un adulto?- E io ovviamente da ragazzino risposi -Certo che posso farlo-. Lui si dimenticò di scegliere un adulto e sono lì da allora”

Così nacque lo Stan Lee che conosciamo ma come continua il mondo dei fumetti. Lui divenne lo scrittore di punta della Timely (poi Atlas) e poi fu co-creatore dell’Universo Marvel. Prese il posto di Goodman come editore nel 1972. Poi nel 1981 andò nella West Coast per essere a capo della Marvel Hollywoodiana e divenne il capo emerito.
Ma cosa pensa ora dei fumetti?

“I fumetti possono occuparsi di sè stessi da soli, non hanno più bisogno di me per i fumetti”

LeeInfine il rapporto con la Disney che è qualcosa di importante e duraturo per Stan Lee:

“Il primo libro che io abbia mai comprato è stato -L’arte di Walt Disney- avevo 9 o 10 anni ed era un libro bellissimo pieno di arte , l’ho custodito sempre gelosamente perchè adoravo i cartoni. Essere parte del mondo Disney in un certo senso per me è molto gratificante.”

Il suo lavoro è stato sempre qualcosa di leggero per lui:

“Ci sono sempre stato [nel mondo dei fumetti], non mi sento per niente diverso da come ero. 10, 20, 40 anni fa è sempre stato un gioco, ci sono delle persone che adorano giocare a carte, il mio gioco preferito è inventare storie ed idee che possano essere per fumetti, libri, film. Quello sì che è divertente”

Se si diverte Stan Lee perchè non farlo anche noi con le sue idee?


Potrebbe interessarti:

Stan Lee: 15 suoi personaggi Marvel indimenticabili

Scopri le altre notizie:

The Defenders: Krysten Ritter, Mike Colter e Charlie Cox salveranno NY
Mini Big World Collectibles: un sito che ogni nerd dovrebbe conoscere
Black Panther: T’Challa al liceo nell’MCU
Avengers: Infinity War, tutti i personaggi confermati finora

Se vuoi scoprire altro sulla Marvel metti ‘Mi Piace’ alla pagina Facebook  Il Bifrost dove verranno periodicamente inserite piccole curiosità e aggiornamenti di film e fumetti. Iscrivetevi al nostro gruppo Facebook I Guardiani della Marvel e gli X-Nerd per trovare altri fan Marvel con cui scambiare opinioni.

Autore dell'articolo: Carol danvers

Carol, appassionata di fumetti, convinta che a volte le cose succedano per caso. Scrivo articoli, cerco ispirazione, sono qui ad intrattenermi ed informarmi con voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *